Come scegliere un Camper

Quando si decide di fare il grande passo e acquistare un camper, la scelta non è mai semplice. Nel momento in cui si cercano le prime informazioni e si inizia a girare tra un salone di settore e l’altro, ci si accorge di quanto sia ampia l’offerta tra modelli e accessori vari. Ovviamente non ci si deve lasciar prendere dal panico e, per essere certi di acquistare il camper più adatto alle proprie esigenze, sarebbe consigliabile fare mente locale su ciò di cui si ha bisogno, per poi prendere in considerazione solo i modelli che soddisfano le proprie aspettative.

A che tipo di persone serve il camper

Normalmente le prime valutazioni da fare per l’acquisto di un camper riguardano il numero e il tipo di persone che si serviranno del mezzo. Le giovani coppie che ancora non hanno figli sono l’equipaggio che può essere più libero nella scelta, in quanto vanno bene sia i camper furgonati che quelli più lussuosi, di qualsiasi dimensione o costo. Naturalmente si può considerare la possibilità di ospitare degli amici o prevedere l’arrivo di uno o più bambini e comprare un veicolo già dotato del necessario, come i profilati con letti saliscendi; alcuni furgonati hanno letti matrimoniali a castello e in genere uno dei due letti si può montare solo quando serve; chi preferisce dimensioni maggiormente compatte può optare per i semintegrali con letti a soffitto.

Le coppie più mature potrebbero ricercare delle soluzioni maggiormente confortevoli. Una zona a cui prestare estrema attenzione in questi casi è il bagno, che deve disporre di una doccia comoda e di un water con la seduta non pericolosa. Per quanto riguarda i letti, quelli bassi sono più indicati rispetto a quelli con gradini o scalette, sia matrimoniali che singoli. Per la zona living conviene tenersi larghi e cercare uno spazio adatto ad almeno quattro o cinque persone, perché spesso durante i viaggi si fa amicizia con altri viaggiatori e c’è la possibilità di passare numerose serate in compagnia. Per la cucina, la scelta non è troppo vincolata, si possono scegliere disposizioni e stili che ricordino da vicino l’arredamento della casa in cui si vive.

Le famiglie da tre o quattro persone sono l’equipaggio più frequentemente incontrato, dunque la maggior parte dell’offerta è pensata per soddisfare i loro bisogni. Trovare il veicolo adatto non è difficile, a seconda dello stile di vacanza che si predilige: chi ama il campeggio o l’uso estivo e torna al camper solo per mangiare e dormire, potrebbe scegliere furgonati o mezzi più compatti; molto spesso si preferisce qualche comfort aggiuntivo e si opta per i grandi mansardati, estremamente comodi, anche se poco semplici da gestire per le dimensioni più grandi della media, con uno spazio superiore per gli ospiti o per riporre gli oggetti che non servono durante il giorno.

Per quanto riguarda i letti, per risparmiare spazio le famiglie possono scegliere i letti a castello per i più piccoli, quelli matrimoniali trasversali per le coppie o i letti singoli longitudinali per i ragazzi più grandi che non vogliono dormire insieme. Le famiglie numerose non devono sottovalutare la necessità di ampi spazi per riporre i vestiti, visto che i viaggi in camper richiedono ricambi adatti ad ogni possibile condizione. Infine, pensando alla cucina, le più gettonate sono quelle ad L, mentre per il living ci sono soluzioni estremamente razionali, che sfruttano divani e tavolini mobili o trasformabili, per aumentare lo spazio disponibile o guadagnare posti letto.

I diversi tipi di motore

Recentemente i modelli di camper più nuovi hanno subito un profondo rinnovamento delle meccaniche di funzionamento, con l’inserimento di dispositivi di sicurezza più sensibili, aggiunte e perfezionamenti estetici, l’omologazione nel rispetto delle norme anti inquinamento; prima dell’acquisto sarebbe consigliabile assicurarsi che tali rinnovamenti siano stati apportati anche al modello scelto, perché questi veicoli rimarranno a lungo molto quotati e saranno al riparo dalla svalutazione per diversi anni. Per risparmiare si potrebbe pure pensare ad un camper di seconda mano oppure a pezzi rimasti invenduti e dunque ormai scontati. In generale bisogna comunque dare maggiore importanza alle necessità e alla funzionalità del camper, solo in un secondo momento si possono considerare le spese.

Pensando alla cilindrata, si può scegliere tra motori con 115, 130, 150 o 180 cavalli. Le cilindrate da 115 cavalli consentono un notevole risparmio, ma possono essere installate soltanto nei modelli compatti; il miglior compromesso tra costo e potenza lo offrono le cilindrate da 130 e 150 cavalli, che infatti sono quelle più usate, con motori da 2,3 l; le cilindrate più elevate hanno costi superiori, sono indicate per i camper con dimensioni maggiori e vanno bene per coloro che usano frequentemente il veicolo, dal momento che sono più longevi.

Le patenti necessarie per guidare i camper

Tendenzialmente i camper si possono guidare in tutta tranquillità con la patente automobilistica, che consente di portare veicoli fino a 35 quintali di peso. Per evitare di non rispettare la legge e accertarsi di non oltrepassare il limite, sovraccaricando il mezzo e non potendolo più guidare, bisogna calcolare il carico utile, che si ottiene sottraendo la massa massima al peso in ordine di marcia. Ciò significa che quanto più la dotazione di base del camper è alta, tanto più diminuiscono le capacità di carico a disposizione. Se non si hanno particolari esigenze legate al comfort, sarebbe meglio optare per camper con dotazioni contenute, per essere sicuri di non arrivare mai sopra la soglia dei 35 quintali.

Si potrebbe anche scegliere di prendere una patente per veicoli più pesanti o richiedere l’omologazione per la portata superiore, nel caso in cui si abbiano famiglie con parecchi membri o si debbano trasportare carichi ingombranti, come una moto o un gommone. Laddove si fosse disposti a prendere un’altra patente, acquistare camper con portata già superiore ai 35 quintali consentirebbe probabilmente di risparmiare un po’, perché questi modelli si vendono difficilmente; in tali casi tuttavia si deve calcolare l’inconveniente di non avere qualcuno che possa dare il cambio alla guida nei viaggi lunghi, a meno che a bordo non ci sia qualcuno con la stessa patente.

I camper per andare in montagna

I camper moderni sono indicati anche per l’utilizzo invernale, per soddisfare tutti coloro che sono abituati a passare le vacanze sulla neve o frequentano spesso le piste da sci. Purtroppo la vita in mezzo alla neve richiede l’aggiunta di dispositivi e componenti che fanno alzare il prezzo del camper, ma per i veri amanti della montagna si tratta probabilmente di un buon investimento.

Innanzitutto le bocchette di riscaldamento devono essere posizionate non solo nella zona living, ma pure nella zona notte e, eventualmente, nella mansarda, avendo cura di acquistare letti con rete a doghe. Far circolare costantemente l’aria è fondamentale, per evitare che si formi la condensa. Tra i sistemi di riscaldamento in commercio il più diffuso è la caldaia a gas collegata al boiler; in alternativa si può scegliere il riscaldatore a gasolio, che evita di consumare rapidamente le bombole del gas, la stufa a gas a tiraggio naturale con termoventilazione, più frequentemente usata nei caravan e la caldaia Alde, perfetta per l’utilizzo a basse temperature e capaci di prestazioni vicine alle caldaie che si installano negli edifici.

I differenti tipi di camper

I veicoli comunemente chiamati camper possono avere caratteristiche estremamente diverse e si suddividono per questo in varie tipologie. I furgonati, altrimenti detti van, hanno dimensioni compatte, sono semplici da riparare e sono trattati come una vera e propria automobile. Dimensioni ridotte significano meno comfort, letti più corti e minore isolamento.

I profilati o semintegrali sono dotati di cabina e pianale in lamiera, su cui vengono appoggiati un pavimento isolato, le pareti e il tetto. L’aerodinamicità di questi modelli rimane soddisfacente, ma il comfort è decisamente migliore, soprattutto se ad utilizzarlo è una coppia. Viste le dimensioni maggiori, la manutenzione è più difficile e le riparazioni richiedono più tempo.

I mansardati, noti come autocaravan, hanno una struttura simile a quella del profilato, ma dispongono anche di una mansarda. L’ambiente interno è pratico e comodo, l’isolamento è eccellente e le dimensioni ingombranti non intaccano l’aerodinamicità. Chiaramente crescono anche i costi e i tempi di attesa per le riparazioni.

I motorhome o integrali sono, come ricorda il nome, delle vere e proprie case motorizzate in miniatura, garantiscono una buona vivibilità pure alle famiglie numerose o ai gruppi di amici e sono perfetti per i viaggi più lunghi.

contattaci per ricevere informazioni